L'isola non trovata

....appare, a volte, avvolta di foschia, magica e bella, ma se il pilota avanza su mari misteriosi è già volata via, tingendosi d'azzurro, color di lontananza...

Il blog è il diario delle mie escursioni in kayak: da solo, con mia moglie o con vecchi e nuovi amici...perchè quando sono stufo delle autorità costituite prendo il largo e me ne vado in posti bellissimi e in altre storie...

domenica 8 maggio 2016

Assalto alla Palmaria ?


Un nuovo assalto all'isola della Palmaria?
Ecco ci risiamo, si ripresentano sempre loro, quelli del mattone e del calcestruzzo, quelli che vogliono trasformare l'isola della Palmaria, sfuggita miracolosamente fino a d'ora all'assalto del cemento e dell'urbanizzazione solo perchè era di proprietà della Marina Militare, in un paradiso esclusivo per i riccastri di mezzo mondo. La Regione Liguria, attraverso il contestatissimo Piano Casa, vorrebbe infatti trasformare la Palmaria in una specie di Capri ligure con tutti gli annessi e connessi: http://www.ilsecoloxix.it/p/la_spezia/2016/02/27/ASoZjlkB-ligure_palmaria_strega.shtml.

E così un altro bel posto del nostro ex bel paese diventerà accessibile a pochi. Tempo fa Stefano Benni scriveva così a proposito del tunnel della Val di Susa e di quelli che ancora intendono il "progresso" come sinonimo di escavatore e betoniera:"....si dicono moderni, ma in realtà vogliono riportare il mondo indietro di milioni di anni. Sono gli uomini delle caverne, gli estremisti del nuovo potere economico. La loro mentalità è paleolitica: il mondo è del più forte, la clava è il profitto, e la terra è una preda......si distinguono perché si battono minacciosamente il petto gridando lo slogan: “Grandi lavori“. Amano scavare nuove caverne e gallerie per farci passare un supertreno superveloce ma non sanno costruire un normale, decoroso treno per i pendolari. Perché una delle loro paleobugie è questa: una cosa fatta male che va più in fretta è meglio di una cosa fatta bene che va più piano. Sono eiaculatori precoci, che non ce la fanno a godere del mondo. Stupidi e avidi, pitecantropi e pidueantropi, insistono in un progetto ormai fallito, un modello di sviluppo che non riesce più a progredire, ma solo a riportare indietro la qualità della vita di tutti. Grugniscono: “non ci lasceremo intimidire”, si dicono moderni e chiamano gli altri arretrati. "

A respingere il nuovo assalto non basteranno i forti della Palmaria, il Cavour e l'Umberto I, che per secoli hanno difeso il golfo di Portovenere dagli attacchi delle flotte nemiche, e non basteranno nemmeno i cannoni di Navarone, il famoso film con Anthony Queen e Gregory Peck è infatti stato girato, in parte, anche sulla Palmaria, nella zona delle cave, ma dovranno mobilitarsi le forze migliori della società civile, quelle forze che amano la nostra Costituzione e che hanno a cuore l'interesse e il bene pubblico.

Noi vogliamo che la Palmaria rimanga come l'abbiamo vista ieri, così vicina ma così libera e "selvaggia".............

1 commento:

  1. Ci sono stato lo scorso mese... sarebbe un vero peccato la trasformassero in una specie di villaggio turistico... a me la "vacanza green a 5 stelle" pare un'ossimoro.

    RispondiElimina

Post più cliccati